la ragazza del mare di Sara Zarr - RECENSIONE

01:00 0 Comments



 
 TITOLO: La ragazza del mare
 CARTACEO: 14.90€  E-BOOK: 4.99
 AUTORE: Sara Zarr
 PAGINE: 150
 CASA EDITRICE: Leggeredeitore
 GENERE: YA
 ACQUISTA QUI: http://amzn.to/2zJWiB7
 MIO VOTO:   ★ ★,5 /5

TRAMA:

Dopo che il padre l'ha sorpresa sul sedile posteriore di una macchina insieme a Tommy Webber, la vita della, giovane Deanna è diventata un incubo. A distanza di due anni suo padre, che non riesce a perdonarle quell'errore, a stento riesce a guardarla in faccia. Anche se Tommy è l'unico ragazzo con cui sia mai stata, l'intera scuola la etichetta come una "ragazza facile". Non potendo contare sull'aiuto della sua famiglia, Deanna cerca di trovare conforto in Tommy, ma lui, proprio come tutti gli altri, non fa che deriderla e tormentarla. In più, le sue due migliori amiche hanno cominciato a uscire con alcuni ragazzi, e lei si sente una specie di intrusa tra loro. Cerca allora di mantenere saldo almeno il rapporto con Darren, il fratello maggiore, ma ora che lui e la sua fidanzata sono assorbiti dai loro problemi di genitori adolescenti, deve imparare a difendersi da sola. Lo fa diventando ogni giorno più dura e insensibile, per quanto l'isolamento in cui si ritrova la faccia soffrire terribilmente. Il suo unico sollievo è un giornale su cui descrive la vita di una ragazza anonima... la sua stessa vita. Un romanzo sul difficile tema del bullismo e su come sia complicato perdonare se non si è disposti a fidarsi ciecamente l'uno dell'altro.




Sono le 00.29, io ho appena finito di leggere questo libro. Tutte le mie emozioni sono fresche e pronte per essere scritte.


3 anni prima.
Deanna, la nostra protagonista, aveva appena 13 anni quando Tommy, un ragazzo di 17 anni, iniziò a mostrare interesse verso di lei. Ben presto l'interesse mutò in qualcosa di più grande, e intimo; tanto grande da riuscire a convincerla a fare il grande passo. Purtroppo venne scoperta dal padre,e trascinata a casa. Tutto ciò la portò ad essere etichettata da tutti come "una ragazza facile", e ad essere vista come poco di buono, persino dal suo stesso padre.

"c'era una parte di me che ricordava come mi sentii quando mi scelse: quella prima volta che mi disse che ero carina, quella prima volta che lo baciai. Ricordavo,anche, come mi sentii quando alla fine compresi che non era un gioco e non era qualcosa che stavo guardando in tv. Era qualcosa di reale che stava avvenendo fra due persone vere. io, io mi sentivo reale; le sensazioni erano reali,e raccontavano parole reali.


Ora Deanna ha 16 anni, è più grande, ma il suo errore continua a perseguitarla giorno per giorno, e stare nella stessa casa con un uomo che non riesce più a vedere il bello che c'è in lei, non la aiuta, anzi, la opprime, a tal punto dal voler decidere di andare a vivere altrove, con il fratello maggiore, Darren, l'unico con cui ha ancora un rapporto di fiducia, e con cui riesce a confidarsi.


"A volte arrivano gli aiuti. Si presentano, e tu non fai nulla. Forse li meriti, forse no. Ma devi essere pronta, quando arrivano, a decidere se afferrare la mano tesa e farti trascinare a riva. 


Deanna si rifugerà anche nella scrittura, scrivendo i suoi sentimenti: che siano belli, o che siano brutti. Ma non sono riferiti a lei, bensì a un altra persona; la ragazza del mare. Facendo questo lei spera di potersi liberare, una volta per tutte, di questo peso.



Questa storia, secondo me, fa riflettere su molte cose, in primis ovviamente sul fatto che bisogna pensarci due volte prima di fare una cosa molto importante. Poi mi ha fatto riflettere sul valore che ha la famiglia, è molto importante l'affetto che può dare un padre alla figlia nel momento del bisogno, cosa che non ritroviamo in questo libro, e che non bisogna chiudersi in se stessi se qualcosa va storto, ma bisogna affrontarlo di petto.


Ammetto che non avevo grandi aspettative al riguardo di questo libro, però mi sono dovuta ricredere, in parte.
Partendo dalla storia di per sè, mi è piaciuta. Ho apprezzato molto l'evolversi della storia, delle emozioni di Deanna, del suo rapporto con il padre e con tutte le altre persone.
Ho apprezzato meno i punti "buco", della storia, ovvero quei punti in cui non succede molto, che in un libro così breve, possono rendere la lettura lenta.
Ma nel complesso mi è piaciuto, anche lo stile della scrittrice mi è piaciuto, l'ho trovato molto diretto, sono riuscita ad immedesimarmi perfettamente nella protagonista.


Al prossimo post,
Martina.


WWW...WEDNESDAY! #24

19:32 1 Comments
Buona sera!
Oggi dopo mesi, riesco a riportare questa rubrica sul blog!
Pronti? via!

1-What are you currently reading?
Cosa stai leggendo attualmente?

E POI CI SONO IO

TRAMA:
«Tutto quello che si rompe, comprese le persone, si può aggiustare. Ecco come la penso io.» A soli diciassette anni, Charlotte Davis ha già trovato un rimedio per calmare la sofferenza che prova. Per non pensare all'amato padre che ormai non è più con lei, per non pensare alla sua migliore amica che l'ha lasciata, per non pensare a una madre che da molto tempo non la capisce, a Charlie basta avere a portata di mano un pezzo di vetro. Un coccio di bottiglia, un gesto secco, un taglio sulla pelle: e dentro si fa largo una specie di sollievo. Charlie è ricoverata in un istituto psichiatrico di St. Paul, nel Minnesota, un microcosmo abitato da altre ragazze come lei, ragazze sole, ognuna un mondo da decifrare, ognuna intrappolata in un diverso dolore. Boccioli di donne ancora troppo chiusi, duri, terrorizzati dall'aprirsi alla vita, sprovvisti di misure di difesa e dunque trascinati via dalla corrente dell'autolesionismo. Le ragazze tra di loro si prendono in giro, si raccontano, immaginano il futuro, c'è chi vorrebbe uscire di lì e chi invece vuole restare al riparo di quelle mura. Charlie, al momento delle dimissioni, non sa dove andare, dato che la madre non la vuole con sé. Sarà allora nella lontana Arizona, dove il sole è rovente e un amico l'aspetta, che potrà provare a riconquistare uno spazio di gioia e nuovi progetti. Il lavoro in una tavola calda e certi inattesi incontri sono linfa benefica, ma quel suo debole entusiasmo viene deluso in fretta: per ricominciare davvero, allora, cosa serve? "E poi ci sono io" è una storia viscerale, aspra e dolce come i diciassette anni di Charlie, un romanzo che parla di adolescenza con onestà, guardando dritto negli occhi di chi pensa di non farcela e crede di essere destinato a scivolare per sempre; è una storia fatta di cadute, improvvise speranze e ripartenze, che ci ricorda quello che siamo stati e quale coraggio serve per riprendere la strada.




2- What did you recently finish reading?
  cosa hai finito di leggere di recente?

THE HATE U GIVE
















WATERSTONES
















3- What do you think you'll read next?
Quale pensi sarà la tua prossima lettura?

PAPER PRINCESS


TRAMA:
Un patto che nasconde più di un segreto. Un sogno fragile come carta. Una passione che non darà tregua. A diciassette anni, Ella Harper ha già imparato a sbrigarsela da sola. Sempre in fuga, dalle difficoltà economiche e dagli uomini sbagliati di sua madre, si è districata tra mille lavori per riuscire a far quadrare i conti, studiare e costruirsi un futuro migliore. Finché, un giorno, nella sua vita compare un certo Callum Royal. Distinto ma deciso, nel suo costoso abito di sartoria, dice di essere il migliore amico del padre, che lei non ha mai conosciuto, nonché il suo tutore legale. In quanto tale, sarà lui d'ora in poi a sostenere le spese per il suo mantenimento e la sua istruzione, a patto che Ella accetti di vivere con lui e i suoi cinque figli. Ella sa che il sogno che Callum Royal sta cercando di venderle è sottile come carta. Ed è diffidente e furiosa. Ma ancora di più lo sono i fratelli Royal. Easton, Gideon, Sawyer, Sebastian e... Reed. Magnetici e pericolosi, non mancano di farla sentire un'intrusa: lei non appartiene, e non apparterrà mai, alla loro famiglia. E a nulla valgono i tentativi pacificatori di Callum. Ella però non è certo il tipo che si lascia intimorire, e le scintille a casa Royal non tardano ad arrivare. Soprattutto dopo un bacio rubato, che innescherà un'inarrestabile spirale di rabbia, gelosia e desiderio. Per non scottarsi, Ella dovrà imparare presto le regole del gioco..


ACQUISTA QUI: http://amzn.to/2gP1lZV

The hate u give di Angie Thomas - RECENSIONE

19:17 0 Comments


 TITOLO: THE HATE U GIVE
 CARTACEO: 14.00€  E-BOOK: 7.99
 AUTORE: Angie Thomas
 PAGINE: 405
 CASA EDITRICE: Giunti
 GENERE: drammatico/mistery
 ACQUISTA QUI: http://amzn.to/2ig7Qs1

 MIO VOTO:   ★ ★ ★ ★/5


TRAMA:

Starr si muove tra due mondi: abita in un quartiere di colore dove imperversano le gang ma frequenta una scuola prestigiosa, soprattutto per volere della madre, determinata a costruire un futuro migliore per i suoi figli. Vive quasi una doppia vita, a metà tra gli amici di infanzia e i nuovi compagni. Questo fragile equilibrio va in frantumi quando Starr assiste all'uccisione di Khalil, il suo migliore amico, per mano della polizia. Ed era disarmato. Il caso conquista le prime pagine dei giornali. C'è chi pensa che Khalil fosse un poco di buono, perfino uno spacciatore, il membro di una gang, e che, in fin dei conti, se lo sia meritato. Quando appare chiaro che la polizia non ha alcun interesse a chiarire l'episodio, la protesta scende in strada e il quartiere di Starr si trasforma in teatro di guerriglia. C'è una cosa che tutti vogliono sapere: cos'è successo davvero quella notte? Ma l'unica che possa dare una risposta è Starr. Quello che dirà - o non dirà - può distruggere la sua comunità. Può mettere in pericolo la sua vita stessa. 



Buona sera lettori!
Oggi vi parlerò di questa meraviglia.

partiamo dal fatto che io sono partita con aspettative abbastanza alte, visto la fama di questo libro, e direi che la merita tutta!

Partiamo con il parlare velocemente della trama. Abbiamo Starr, questa ragazza di 16 anni, di colore. Vive una specie di doppia vita, tra il quartiere malfamato in cui vive e la scuola prestigiosa che frequenta. In una festa riinconterà il suo migliore amico,Khalil, che da tempo non vedeva, ma dopo un inizio di sparatoria, i due decidono di scappare, non sapendo che il peggio sarebbe ancora dovuto arrivare. Infatti verranno fermati dalla polizia, per alcun motivo, e perquisiti. Il poliziotto preso da nonsisachecosa deciderà di mettere fine alla vita di Khalil, tutto ciò davanti agli occhi di Starr. 


In questo libro noi scopriremo pian piano perché Khalil è stato ucciso, ma soprattutto andremo a parlare di razzismo, visto dal punto di vista di una ragazza di colore. 
Penso che questo libro lo debbano leggere tutti, riesce veramente ad aprirti gli occhi su quella che è la verità, ti fa capire com'è essere dall'altra parte, di com'è perdere un amico solo per il colore della sua pelle...

"E' proprio questo il problema. Permettiamo alle persone di dire certe cose,e loro le dicono così spesso che dopo un pò lo trovano ammissibile e noi normale. Ma che senso ha avere una voce, se poi resti in silenzio quando non dovresti."

Ho divorato questo libro. Ho trovato lo stile di scrittura azzeccatissimo, molto semplice, ma adatto per il punto di vista, che è quello di una ragazza di 16 anni.

Ho amato questo libro, anche perché mi ha fatto provare emozioni contrastanti, sono passata dal ridere al piangere, all'essere arrabbiata, a voler prendere (seriamente) a pugni determinati personaggi.

Insomma, non posso far altro che consigliarvelo, libro stupendo, una storia che necessita di essere letta.

Martina.

Anteprima "Midnight Jewel" di Richelle Mead

17:34 1 Comments

Sono lieta di annunciarvi, che a breve uscirà il secondo capitolo della saga di the glittering court!



Stupenda copertina:




TITOLO: Midnight Jewel
AUTORE: Richelle Mead
DATA D'USCITA: 25 ottobre 2017
PREZZO: 16,90
CASA EDITRICE: Edizioni LSWR

TRAMA: 
(spoiler se non avete il primo!)



Mira non è come le altre ragazze della Corte Scintillante. È sopravvissuta a una guerra,
è stata cacciata dalla sua terra natale e scaraventata in un paese dove ha imparato
a combattere contro le tante ingiustizie che la circondano. Nel Nuovo Mondo, Mira
progetta di guadagnarsi il riscatto dal contratto di matrimonio e di essere finalmente
libera.
A bordo della nave, si propone come informatrice a un passeggero, il sardonico e
distaccato Grant Elliott, che ha scoperto essere una spia della prestigiosa agenzia
McGraw oltre che il suo lasciapassare per la libertà. Saltata la copertura, Grant non
ha altra scelta se non ingaggiarla. Mira si applica giorno dopo giorno per imparare
l’etichetta e le usanze che le permetteranno di guadagnarsi l’anonimato. Di notte
indossa una maschera e scivola in città, per combattere l’ingiustizia e la corruzione
a modo suo, impressionando Grant con le sue straordinarie capacità e intuizioni sui
fermenti di rivolta. Ma la cospirazione non è la sola cosa con cui dovranno combattere...
Nessuno dei due può ignorare l’attrazione che divampa tra loro, talmente intensa
da minacciare di far crollare tutto quello per cui Mira ha lavorato con tanto impegno.
Avendo la libertà finalmente a portata di mano, potrà rischiare tutto per amore?


Ringrazio la casa editrice per l'anteprima!
siete curiosi?

       


                              



Cover reveal: Estremo inganno di Cristina Vichi

15:56 1 Comments


Titolo: eSTREmo inGAnno
Autore: Cristina Vichi
Genere: Dark Fantasy, Paranormal.
Editore: Selfpublishing
Pagine: 162
Prezzo Ebook: € 1,99 Aderisce al Kindle Unlimited
Prezzo Cartaceo:
Pubblicazione: 01/10/2017
Link di acquisto: eSTREmo inGAnno


Trama
Nel 1717 una giovane sventurata bruciò viva sul rogo, accusata di stregoneria. Quella drammatica storia fu tramandata nei secoli e il luogo della tragedia prese il nome di Katherine’s City, in memoria della ragazza.
Kassy, diciassettenne del 2017, per strane e oscure ragioni si ritrova a vivere in prima persona la storia di Katherine, la Regina Rossa, scoprendo sulla propria pelle verità dimenticate, segreti inconfessabili e terribili maledizioni.
In un susseguirsi di scoperte sempre più inquietanti, l’angoscia di Kassy raggiunge l’apice quando capisce che la Regina Rossa non le ha rubato solo il corpo, lei vuole anche la sua anima, lei vuole scambiare i loro destini.
Chi brucerà sul rogo in quel terribile 17 ottobre 1717?

Incipit:
17/10/1717
La folla si accalcava, impaurita ma curiosa. Da tempo attendevano quel giorno: finalmente la malasorte se ne sarebbe andata dal paese e la sciagura avrebbe smesso di perseguitarli.
Cinque gatti randagi, magri e pieni di pulci, giravano intorno alla catasta di legna e paglia ammucchiata contro un palo al centro della piazza. Uno di loro aveva una zampa rotta, si trascinava miagolando così forte da fare accapponare la pelle.
Anche i bambini erano curiosi di vedere la strega bruciare sul rogo; tenevano strette le loro corone d’aglio e si fingevano impavidi. In verità avevano paura e mai e poi mai avrebbero guardato la strega negli occhi, neanche con la collana d’aglio stretta fra le mani.
Dal fondo della piazza apparvero due uomini che trainavano un carretto, e i boati della folla aumentarono. Ecco la strega!
Nella confusione un bambino cadde a terra e fu calpestato da tre persone che nemmeno se ne accorsero. Era il delirio. Uomini e donne gridavano e maledivano la strega; erano in tanti, quella era la loro forza oltre all’aglio.
Lei era lì, sopra quel carro che avanzava lentamente verso la morte, chiusa in una gabbia di ferro. Nonostante fosse legata, incuteva ancora paura. Il neo di fianco all’occhio sinistro e gli indomabili capelli rossi erano un chiaro segno del suo essere demoniaco; anche la sua invidiabile bellezza era motivo di accusa. Nonostante fosse stanca, spossata e indebolita dalle percosse subite, aveva uno sguardo che catturava le persone. Tanti uomini, troppi, si erano innamorati di lei e avevano compiuto adulterio verso le loro mogli.
Mentre il carretto passava, la gente stringeva le collane d’aglio, faceva scongiuri e invocava i santi. Nessuno guardava quella misera ragazza negli occhi. Nessuno ne aveva il coraggio.
La fanciulla piangeva, scrutava la folla alla ricerca di un volto compassionevole, ma nessuno faceva nulla. Se ne stavano lì con le loro belle collane d’aglio, tutti le avevano!
Il carretto raggiunse il centro della piazza, dove c’era la catasta di legna. Un uomo aprì la gabbia e la folla strattonò giù la fanciulla. Più persone la trascinarono sul rogo e le avvinghiarono polsi, caviglie e busto al palo.
Prima di appiccare il fuoco, un uomo prese la parola davanti alla fiumana di gente, che si zittì per ascoltarlo.
«Carissimi amici, ricorderemo questa data come il giorno della liberazione. Finalmente la strega brucerà all’inferno!».
Un boato di acclamazioni fece eco alle sue parole.
«Evviva il forestiero che ci ha salvato!».
«La Regina Rossa ha finito di compiere misfatti». L’uomo alzò la fiaccola in aria. «Questa donna è il demonio!».
«Bruciamola subito!».
«No!», gridò la ragazza. «Vi prego, lasciatemi andare!».
«Tu sei una strega!», urlò un bambino in prima fila. «E le streghe bruciano sul rogo!».
La ragazza lo fissò e lui si affrettò ad abbassare lo sguardo, stringendo più forte la collana d’aglio che portava al collo.
«Sì, le streghe come te bruciano sul rogo», incalzò un’altra voce.
Il destino della giovane era ormai segnato. 
Il miagolare stridulo dei gatti, soprattutto di quello con la zampa rotta, si librava nell’aria. Presto anche la strega avrebbe urlato. La sua sarebbe stata una morte lenta e atroce.
«Uccidetemi subito, vi prego!». La giovane si agitava per liberarsi dalle corde che le incidevano la pelle. «Bruciatemi dopo!».
«L’anima di una strega deve bruciare insieme al suo corpo», dichiarò l’uomo che teneva alta la fiaccola.
Il fragore della folla raggiunse picchi altissimi e coprì il pianto della fanciulla.
Quando l’uomo avvicinò la fiaccola alla catasta di legna, la giovane gridò. Il fuoco sfiorò appena il pagliericcio e le prime fiamme si trasformarono in avide mani pronte ad agguantare ogni cosa. Le urla della ragazza divennero isteriche. Non sentiva male, non ancora, solo un po’ di calore, ma la paura era ormai fuori controllo. Si dimenava osservando la paglia ardere sotto i suoi piedi scalzi, si divincolava come un serpente per sfuggire al fuoco. Non voleva che le fiamme si impossessassero di lei. Quello strattonare violento le lacerò la pelle delle caviglie e dei polsi. L’ispida corda si tinse di rosso.
Le fiamme danzavano intorno alla giovane e si allungavano per afferrarle i calcagni. Ardevano dal desiderio di abbracciarla e diventare un tutt’uno con lei.
La folla assisteva muta, impassibile. Ormai le urla della ragazza e il miagolare dei gatti erano gli unici strazianti rumori della piazza.
In sporadici momenti di lucidità, la ragazza si guardava in giro alla ricerca di un’àncora di salvezza, ma nessuno aveva pietà di lei.
Le fiamme raggiunsero i suoi piedi e iniziarono a tormentarli, presero coraggio e si avvilupparono intorno alle cosce fino all’inguine. Il vestito si incendiò. Le lingue di fuoco si eccitarono, prede di una frenesia divoratrice che le aizzava a spingersi sempre più in alto. Scalpitavano come cavalli impazziti, galoppavano sul corpo della fanciulla, bramose di fondersi con lei. La accarezzavano con passione ardente: volevano entrare in lei, possederla fino al suo ultimo respiro. All’odore di fumo si mischiò quello acre di carne bruciata.
Le grida diventarono disumane.
La strega stava bruciando viva.


Autore
Cristina Vichi vive a Riccione, insieme al marito e tre figli.
Ha sempre amato molto inventare storie, ma dopo la stesura del primo romanzo la scrittura diventa una passione vera e propria. L’incontro con la Editor Emanuela Navone è illuminante, perché le permette di sperimentare l’universo della scrittura con maggior consapevolezza e nuovi stimoli.

Quando si conclude un romanzo non conta solo il risultato in sé, ma soprattutto il percorso che l’autore ha compiuto per arrivare a mettere la parola fine alla sua opera.
Di seguito le sue opere:
“Celeste: L’Ardore di una Donna” (Seconda edizione: 24/07/2016). Romance/Avventura autoconclusivo e prequel di “Celeste: La Forza di una Regina”.
“Destini Ingannati” (Seconda edizione: 06/01/2017). Romance/Mistery autoconclusivo.
“Celeste: La Forza di una Regina” (10/08/2016). Romance/Avventura autoconclusivo e sequel di “Celeste: L’Ardore di una Donna”.
“E se poi te ne penti?!” (01/12/2016). Romance/Humor, autoconclusivo.
“Tander: Dentro di noi l’energia dei Fulmini” (20/05/2017). Urban/Fantasy autoconclusivo.
Blog Autore: Cristina Vichi Blog

Pagina Facebook: Cristina Vichi Autrice

Join Us

Follow Us @soratemplates